UNA CITTA' DA SOGNARE E UN OBIETTIVO DA REALIZZARE!

di Fabiano Faorlin

 

LIEGI - PORTOGRUARO -  una corsetta di 1127 km in 13 giorni

Dopo 3 mesi di intensa preparazione, sabato 18 aprile  è finalmente giunto il  giorno di partenza : dalla miniera di Cheratte , dove ha  lavorato mio padre Vittorio Faorlin per 17 anni a più di 300 metri sotto terra.

Con un paio di amici, tutti vestiti da minatori, abbiamo percorso insieme  i primi 10 km dei 1127 che dovevo fare in 13 giorni. Come aiuto e appoggio  logistico ho avuto  uno dei miei fratelli Antonio  con l’ amica Nadia per i primi 3 giorni in macchina , i due giorni successivi sempre con una macchina mi ha seguito un altro fratello Paolo , l'ultima settimana,  un terzo  fratello Franco( il  più grande) assieme  a  mia cugina  (Paola) e il suo camper.

Avevo diviso i 1127 km  in modo da  fare ogni giorno una percorrenza di 86 km, prevedendo la  partenza alle 8 di mattina e l'arrivo alle 18h40', ma in realtà, partivo alle 7h30 per finire alle 19 - 19h30'

Il momento più duro per me, puntualmente si presentava dopo aver corso i primi 50 km , i km successivi diventavano un inferno, solo la voglia di rendere omaggio a mio padre mi faceva andare avanti, il secondo giorno o percorso 90 km, ero stanco, avevo fame e voglia di una bella doccia, arrivati all'albergo… sorpresa, era chiuso, meno male che accanto c'era un ristorante greco con camere, siamo stati fortunati .

La prima settimana è trascorsa  con il sole e il caldo, bevevo 5 a 6 litri di liquido energetico.

Le strade in Germania erano pericolose, perché le automobili transitavano  velocemente, meno male che ogni tanto percorrevo  delle ciclabili dove ero sicuramente  più tranquillo.

In Austria,   ho incontrato difficoltà nella segnaletica infatti non c’erano  indicazioni da un paese a l'altro, ho dovuto domandare la mia strada a una coppia di ciclisti che mi hanno accompagnato fino alla strada giusta verso Innsbruck.

Giunto in Italia dalla parte del Brennero, dove la prima lingua è il tedesco, arrivando a Bressanone con mio fratello Franco con la bici, ci siamo persi, mio fratello domandava la strada e ci facevano girare attorno,  ricordo che in quel momento ero davvero arrabbiato….

Prima di Bolzano, o girato a sinistra verso il passo di Costalunga a 1755 metri.  Poi  la discesa verso Moena e il suo formaggio " il puzzone " e quindi  risalire il passo " San Pellegrino " a 1918 metri.

L'ultimo giorno sono partito da " Vittorio Veneto " e ho effettuato una variante del percorso programmato passando per Porcia dove ho una zia, che non vedevo da 15 anni. Ripartito sono passato  anche per Azzano Decimo  dove mi aspettavano, Silvano con un Gerry  e Franco con la moglie e la figlia Sara.

E’ stata un accoglienza che  mi ha fatto molto piacere... grazie Azzano Runners :-)

Ancora gli ultimi 15 km e sono finalmente arrivato al centro di Portogruaro, dove mi attendevano i miei genitori e tutta la famiglia riunita ,  ho quindi avuto l’onore di incontrare il sindaco di Portogruaro in sala Consigliare.

Purtroppo con i miei sono rimasto solo un paio di giorni in quanto già dal lunedì successivo il lavoro in Belgio mi attendeva.